Slideshow Image 1 Slideshow Image 2

Equivino™ rappresenta il punto d’incontro di due delle mie più grandi passioni: i cavalli e il vino. Sono nato in Spagna, dove cibo e vino, famiglia e amici, si celebrano costantemente. Crescendo ho cominciato ad apprezzare i pasti in cui cibi preparati con cura e vino bevuto con moderazione erano lo stimolo per ricche conversazioni. La mia famiglia possedeva anche cavalli. Al pascolo, circondate da olivi, quelle magnifiche creature costituivano lo sfondo della mia vita quotidiana.

Attualmente vivo a Washington DC dove continuo ad assaporare il gusto di vini raffinati e a cavalcare quando mi è possibile. Docente di letteratura e studi culturali, sto ora scrivendo un libro sulla presenza archetipica dei cavalli in letteratura e film. Alcuni anni fa ho iniziato a collezionare etichette di vini raffiguranti cavalli. L’entusiasmo di amici e conoscenti per quelle immagini mi ha indotto a lanciare EquiVino™ così da poter condividere la mia passione per “l’arte dei cavalli” espressa sulle etichette di vino.

Le etichette, provenienti da 15 paesi, narrano la storia della relazione tra esseri umani e cavalli attraverso i secoli – da crude immagini di cavalli dipinti sulle pareti di caverne preistoriche a eleganti raffigurazioni di cavalieri in sella, da operosi cavalli da tiro a infaticabili cowboys e gauchos, e da rappresentazioni realistiche a rappresentazioni stilizzate di cavalli come arte astratta. Che si tratti dell’antica figura greca di Pegaso o del Ronzinante di Don Chisciotte, cominciamo a vedere il ruolo essenziale dei cavalli nella storia del genere umano e nella psiche umana. Ritengo che questi animali, più di ogni altro, simboleggino il desiderio umano di completezza.

Equivino™ celebra la relazione tra esseri umani e cavalli – e, altrettanto, la passione e l’intenso lavoro dei vignaioli di tutto il mondo. Come riconoscimento dell’enorme contributo dei cavalli all’umanità, una porzione di tutti i proventi sarà destinata alla cura e al sostegno dei cavalli da corsa di razza a riposo.

Dr. Francisco LaRubia-Prado